Al via i laboratori di poesia

Partenza entusiasmante per i laboratori di Teglio Poesia 2020 alla scuola primaria A. Manzoni di Teglio Veneto! Questa settimana, sotto la guida attenta del nostro giurato Piero Simon Ostan (spalleggiato da Guido Cupani), gli alunni delle classi quarta e quinta hanno cominciato a giocare con la lingua, cercando il più possibile di “spingersi al largo”, di abbandonare i percorsi consueti e lasciarsi guidare dalle parole.

Dopo un “round introduttivo” in cui ciascuno ha proposto la propria personale definizione di poesia, i bambini si sono confrontati di persona con lo strumento della metafora, quella particolare magia per cui le parole sanno trasformare una cosa in un’altra. L’incontro è culminato con la lettura del testo “Il dolore” di Attila József, che è servito da spunto per cominciare a lavorare ciascuno su un proprio testo, dando forma concreta a un’emozione. Interessante vedere come l’idea di poesia fosse cambiata dall’inizio alla fine dell’incontro, e quante pulsioni profonde abbiano trovato voce sulla pagina in così poco tempo.

Appuntamento alla settimana prossima per la seconda parte dell’esperienza!

Bilancio dei laboratori di poesia

Lunedì scorso si sono conclusi i laboratori di poesia, con l’ultimo appuntamento assieme alla classe quinta della Scuola Primaria Alessandro Manzoni di Teglio Veneto. Pubblichiamo di seguito la nota dei poeti che hanno animato i laboratori, Piero Simon Ostan Roberto Ferrari, che ringraziamo per il loro impegno e la loro passione.


Ancora una volta per me e Roberto, mio insostituibile compagno di viaggio è arrivato il momento di scendere dalla barchetta di carta… che ora riposa tranquilla tra le pieghe dei nostri appunti di viaggio…
Anche quest’anno sulla barchetta della poesia sono saliti tanti ragazzi assieme alle loro maestre. Hanno lasciato la terraferma con qualche timore e con il loro carico di “È giusto scrivere così?” ma anche con l’entusiasmo di una nuova avventura da affrontare.
E così la barchetta è salpata da un bellissimo stagno… dove il lancio della parola sasso e le conseguenti onde concentriche hanno fatto venire alla luce gli elenchi creativi più strampalati e inaspettati.
Siamo giunti poi al mare dove i nuovi poeti in erba hanno incontrato la magia della metafora. Èqui che i ragazzi hanno cominciato a tuffarsi nel mare profondo della parola, qualcuno ancora titubante e timoroso di annegare, altri cominciando a inoltrarsi in mare aperto.
Ci sono state bufere di gioia, tempeste di entusiasmo, piogge scroscianti di applausi per associazioni di parole inaspettate, per metafore fulminanti, per versi delicati e leggeri e per quelli dolorosi.
È arrivata anche la bonaccia e nel silenzio hanno riecheggiato i versi di alcuni importanti poeti e i ragazzi hanno saputo ascoltarli con occhi e cuore aperti, accogliendoli, e poi provando, con impegno a farli propri, a costruire le loro poesie.
Forse, alla fine, non siamo approdati in nessun porto, ma quello di cui siamo certi è che i ragazzi e le loro eroiche maestre abbiano potuto toccare con mano il piacere della scrittura, il potere della parola libera da  giudizi e pregiudizi…
Io e Roberto ringraziamo di cuore tutti gli studenti e le loro insegnanti per averci regalato il loro entusiasmo che ci ha riempiti di fiducia… orgogliosi di far parte della ciurma del Premio Teglio, continuiamo questo percorso all’insegna della poesia sempre più convinti che la sezione del premio Barba Zep sia l’anima di questo progetto.


Ricordiamo agli studenti che il termine per la consegna degli elaborati è il 21 marzo prossimo, come specificato nel bando. Buon lavoro!

Laboratori: terzo appuntamento

Proseguono i  laboratori di poesia curati da Piero Simon Ostan Roberto Ferrari, questa volta presso la Scuola Primaria Alessandro Manzoni di Teglio Veneto, il paese della poesia. Il coinvolgimento dei giovani alunni (che potranno concorrere alla sezione Barba Zep del premio) è evidente…

Prossimo appuntamento nella stessa scuola giovedì 15 febbraio.

Continuano i laboratori di poesia

Non ci sono parole migliori di quelle dei poeti coinvolti per commentare l’esperienza dei laboratori di poesia, giunti oggi al secondo appuntamento presso la Scuola Primaria Ippolito Nievo di Cordovado (Pordenone). Dice Piero Simon Ostan: «La scuola è uno scrigno. Questa è ciò che mi viene da dire dopo questo laboratorio. Le maestre sono delle eroine silenziose e i ragazzi hanno saputo regalarci un po’ del loro tesoro». E lo conferma anche Roberto Ferrari: «È un’esperienza davvero molto importante per noi, per le maestre e per gli alunni». Emozione che nasce, che fiorisce liberamente nello scambio: anche questo è Teglio Poesia.

Laboratori di poesia

È iniziato il 12 gennaio presso la Scuola Primaria Ippolito Nievo di Cordovado (Pordenone) il primo laboratorio di poesia curato dal Premio. Grazie alla guida sapiente di Roberto Ferrari Piero Simon Ostan, gli alunni si sono addentrati nel mondo della scrittura in versi in un “percorso a tappe”, che attraverso l’espressione di emozioni e suggestioni personali li condurrà a produrre dei testi propri, totalmente genuini.

Ecco le quattro tappe del percorso:

  1. “Che cos’è la poesia?”
  2. Il sasso nello stagno
  3. La metafora
  4. Lettura e riscrittura di una poesia di R. Piumini

L’esperienza continuerà il 19 gennaio. Siamo tutti ansiosi di leggere le strofe che gli alunni riporteranno da questo insolito viaggio…